Cellule staminali pluripotenti indotte nel diabete di tipo I


Le cellule staminali  ottenute da cellule adulte (le cosiddette iPS, o staminali pluripotenti indotte) offrono prospettive simili, se non maggiori rispetto alle staminali embrionali nella cura del diabete di tipo I. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Cell Stem Cell, coordinato da  Shimon Efrat dell’Università di Tel Aviv, che  ha evidenziato come che le iPS derivate  dalle cellule beta umane (le cellule del pancreas produttrici di insulina e danneggiate nei diabetici) conservano una memoria di quello che erano una volta. Grazie a questo “ricordo” le cellule si differenzino in modo più efficiente in cellule produttrici di insulina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento