Metodo Stamina per un uomo in coma

E’ ancora in coma da tre anni dopo un semplice intervento per rimuovere due punti di sutura applicati dopo l’estrazione di un dente. Ora Giuseppe Marletta, un architetto di 45 anni vittima della malasanità, potrà provare a curarsi agli Spedali Civili di Brescia con il metodo Stamina. Ad autorizzare le cure con le staminali mesenchimali è stato il Tribunale di Catania, che ha autorizzato il trattamento dopo una dura battaglia legale intrapresa dalla moglie Irene Sampognaro, appoggiata dall’associazione Sicilia risvegli onlus.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento