Gelatina di Wharton del cordone ombelicale per la cura delle ferite cutanee

Una tecnica innovativa molto promettente sarebbe in grado di migliorare notevolmente la qualità della riparazione tessutale e della rigenerazione della pelle in casi di lesioni cutanee, come ferite, ulcere e ustioni.
Uno studio condotto da alcuni ricercatori cinesi e pubblicato sulla rivista scientifica
The International Journal of Lower Extremity Wounds” ha infatti dimostrato l’efficacia delle cellule staminali mesenchimali della gelatina di Warthon nel migliorare la guarigione delle ferite cutanee nei topi.

All’interno del cordone ombelicale esiste infatti un tessuto gelatinoso che ricopre i vasi sanguigni, chiamato gelatina di Wharton, che rappresenta una delle fonti del corpo umano di cellule staminali mesenchimali (CSM), importanti per la rigenerazione e la riparazione dei tessuti.
Servono ulteriori studi, ma nella sperimentazione, il trapianto di staminali mesenchimali, associate a microparticelle cutanee e gelatina di Warthon ha dimostrato a 7 giorni di distanza una buona rigenerazione cutanea e la formazione di lembi di nuova pelle, ghiandole sebacee e follicoli piliferi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento