Sfide e prospettive delle staminali

L’impiego di cellule staminale rappresenta uno dei temi più attuali  della bioetica. Se ne occupa il nuovo saggio, edito nel 2011 da Ler (euro 15,00) dal titolo “Cellule staminali: sfide e prospettive” ( che fa parte della collana “Intervista alla bioetica”) di Antonio Puca,  Padre Camilliano, Professore di Bioetica al Camillianum di Roma e incaricato per la Pastorale della Salute nell’Arcidiocesi di Napoli.
Nel libro, presentato il 28 giugno ad Avellino all’Auditorium dell’Ordine dei Medici, l’autore mette in evidenza come “il progresso scientifico, in tutte le sue angolazioni, sia una cosa grande, cui è altamente meritorio dedicare vita e tutte le energie. Il suo scopo non può essere però l’affermazione del singolo, nè di una categoria umana sull’altra, bensì  deve riguardare tutti gli aspetti dell’essere umano, quindi non può e non deve prescindere dalla paritaria evoluzione e crescita del potenziale umano, legale ed etico. Nella società cosiddetta civile ed evoluta, troppo spesso invece il progresso si identifica con l’accrescimento del potere materiale ed economico, a prezzo del sacrificio dei valori umani, spirituali e morali, nei quali va invece vista la vera grandezza dell’Individuo e della Società”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento