SmartBank a Montecarlo per il 4° congresso mondiale sulle staminali del cordone

Sono passati 25 anni dal primo trapianto di cellule staminali cordonali e ad oggi sono stati eseguiti più di 30.000 interventi in tutto il mondo:
l’occasione per ricordare questi successi della scienza e per presentare anche nuove terapie cellulari e studi clinici, è stato il quarto congresso mondiale ESH/NetCord/Eurocord sulle “Cellule staminali del cordone ombelicale”, organizzato a Montecarlo dal 24 al 27 ottobre.

Un congresso importante per SmartBank per due motivi:

1) perchè si è svolto in concomitanza dei primi risultati sulla salute  della bambina italiana di 4 anni, affetta da paralisi cerebrale, sottoposta a trapianto di staminali cordonali autologhe  lo scorso 21 maggio. Al congresso, la dottoressa Irene Martini, direttrice scientifica di SmartBank, biobanca dove sono state conservate alla nascita le cellule staminali della bambina, ha incontrato, infatti, la d.ssa Joanne Kurtzberg che ha eseguito il trapianto presso l’americana Duke University di Durham per un confronto sui primi risultati del trapianto, definiti «fuori dall’ordinario». Per approfondimenti, leggi qui.

2) perchè all’evento la dottoressa Irene Martini, in qualità di biologa cellulare, ha presentato uno studio clinico sull’impiego degli omega-3 in gravidanza.  Uno studio importante, condotto con un team di biologi dell’Università “ La Sapienza” di Roma, medici e ostetriche del Dipartimento di Ostetrica e Ginecologia dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma e ricercatori ISOF del CNR di Bologna, che dimostra che l’assunzione di DHA (un acido grasso essenziale della linea Omega 3) durante la gravidanza, può essere di enorme aiuto per incrementare la vitalità delle staminali cordonali e la quantità di cellule differenziate della linea ematopoietica; fattori questi essenziali per il successo di un trapianto! Per approfondimenti, leggi qui.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento