Staminali, creato in provetta uno stomaco umano in miniatura

Lo speciale “organoide” sarà utile per capire l’evoluzione di diverse malattie gastriche, e aiuterà a testare nuovi farmaci

Ricreato per la prima volta un tessuto gastrico umano tridimensionale, strutturalmente corretto e funzionale, grazie a una nuova tecnica di coltivazione e differenziazione di cellule staminali umane pluripotenti (hPSC).
Il team di ricerca, coordinato da James Wells, del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, ha creato uno stomaco in miniatura per studiare, principalmente, l’infezione da batterio Helicobacter pylori, una delle principali cause di ulcera peptica e cancro allo stomaco, che colpiscono circa il 10% della popolazione mondiale.

Lo studio, pubblicato su Nature, offre un’importante opportunità per la scoperta di nuovi farmaci, per la produzione di modelli particolarmente affidabili delle prime fasi del cancro dello stomaco, e per studiare alcuni processi di base legati a obesità e diabete. Una svolta fondamentale, visto che lo studio di queste malattie con modelli animali presenta delle limitazioni a causa delle differenze anatomiche e di processi biochimici con la nostra specie.
L’importanza del risultato è aumentata dal fatto che, i passi intermedi di creazione dell’organoide ripercorrono lo sviluppo embrionale tridimensionale dell’endoderma, ossia del tessuto che dà origine non solo allo stomaco, al duodeno e all’esofago, ma anche a molti altri organi, a partire da quello dei polmoni e del pancreas. Questo apre in prospettiva la possibilità di sviluppare analoghi modelli per lo studio delle patologie di questi organi e delle rispettive forme di cancro collegate.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento