Nuove prospettive per l'ictus e malattie neurologiche da staminali del cordone ombelicale!

Una ricerca del Salk Institute for Biological Studies, a la Jolla, in California,  apre la strada a nuove prospettive terapeutiche per le malattie neurologiche, come l’ictus, con l’impiego di staminali del cordone ombelicale.
I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Proceedings of the National Academy of Sciences“.

I ricercatori si sono concentrati soprattutto su un fattore di trascrizione, una proteina chiamata Sox2, che agisce come un interruttore, innescando nelle staminali la differenziazione in cellule con funzionalità simili a quelle dei neuroni, in grado di trasmettere quindi l’impulso elettrico (per ora nel cervello di topi).

Guidati da Juan Carlos Izpisua Belmonte, l’equipe del Salk Institute ha mostrato per la prima volta la conversione diretta di una popolazione di cellule del cordone ombelicale in una linea di cellule neuronali, forzando l’espressione di un singolo fattore di trascrizione (a differenza di studi precedenti che ne usavano molteplici) introdotto nelle cellule mediante un retrovirus.

Dopo la coltura in laboratorio, il team ha scoperto colonie di cellule neuronali che esprimono marcatori specifici, come i neuroni maturi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento