Staminali neuronali per trattamenti di traumi alla colonna vertebrale

Le lesioni spinali dovuti a traumi della colonna vertebrale possono portare a  perdita della funzionalità motoria e della sensibilità.
Gli studi di medicina rigenerativa non hanno ancora trovato la soluzione in grado di permettere la ripresa funzionale della conduttività nervosa, ma l’impiego delle  cellule staminali neuronali potrebbe essere la strada giusta,  per le loro caratteristiche differenziative e la loro plasticità elevata.

I risultati preliminari di uno studio condotto sull’uomo dal Balgrist University Hospital di Zurigo e presentati a Londra in occasione del meeting annuale dell’International Spinal Cord Society sono incoraggianti, anche se è presto per trarre conclusioni:
le staminali potrebbero risvegliare la sensibilità tattile nelle persone paralizzate dopo una lesione della spina dorsale.
Nel trial, due di tre  pazienti  completamente paralizzati  hanno cominciato a percepire sensazioni tattili e di calore dopo alcuni mesi di cura a base di iniezioni di cellule staminali neuronali (ottenute da tessuto cerebrale fetale) nella zona lesa, un trattamento sviluppato dall’azienda californiana Stem Cell. Sei mesi dopo la terapia, i due malati hanno infatti percepito sensazioni  tattili e di calore.
Secondo Armin Curt, coordinatore dello studio, queste modificazioni della funzione sensitiva suggeriscono un ruolo positivo delle staminali sulla ripresa funzionale.
Ci sono diverse ragioni che ne spiegherebbero l’utilità: queste cellule potrebbero favorire la ricostituzione della mielina nei nervi danneggiati, migliorando la trasmissione dei segnali nervosi con il cervello, oppure  potrebbero migliorare la funzione dei nervi residui ancora attivi.

Fonte: New Scientist

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento