Italia: i trapianti autologhi superano quelli allogenici (da donatore a ricevente)

Lo rivela il rapporto del GITMO (Gruppo Italiano Trapianto Midollo Osseo) sull’utilizzo delle cellule staminali ematopoietiche, pubblicato sul sito del Ministero della Salute e riportato dal QuotidianoSanità.

“Il dato non sorprende a chi è addentro al tema “staminali” e alle sue applicazioni” , afferma la d.ssa Martini, direttore scientifico di SmartBank. Ecco i dati del 2012:

2.925 trapianti autologhi; 1.736 trapianti allogenici; per un totale di  4.661 trapianti di cellule staminali ematopoietiche.

Si è ricorso al trapianto autologo soprattutto in pazienti con mieloma multiplo (1265 casi), linfoma (1160), talassemia (255), leucemia mieloide acuta (146) e altri tipi di leucemia. Con questo tipo di trapianto il recupero della funzione immunitaria è veloce, c’è un minor rischio di infezione e sono rari i casi di rigetto (coincidendo il donatore e il ricevente delle staminali).

Si è ricorso al trapianto allogenico soprattutto per il trattamento della leucemia mieloide acuta (501), la leucemia linfatica acuta (323), MDS/MPS (282) e linfomi (238).

“E’ anche grazie alla maggiore disponibilità di cellule staminali che il numero di trapianti autologhi è così aumentato rispetto a quelli allogenici” – continua la d.ssa Martini – “ma il dato non potrà che aumentare, se si pensa a tutte le nuove terapie cellulari che si prospettano con la medicina rigenerativa! Per questo continuo a battermi per INFORMARE LE MAMME nel fare una scelta consapevole, di documentarsi per far sì che “il proprio cordone” non finisca fra i rifiuti ospedalieri, come ancora accade per circa il 95% dei parti in Italia!  Per questo continuo ad organizzare Corsi per genitori, ma non solo, in varie città italiane e dovunque ci sia bisogno di informazioni complete, corrette,  senza cercare di orientare la scelta”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento